Torna ad allargarsi il buco nell’ozono

buco-nellozono-cause-ed-effetti_3fe4bf96e2f95a99b3de18b9043f3fb4[1]

Dopo i buoni risultati degli ultimi anni, lo strato di ozono torna ad assottigliarsi a causa di nuovi clorofuocarburi, mai rilevati fino ad oggi. Dito puntato su climatizzatori e insetticidi.
Si pensava ingenuamente che il buco nell’ozono non fosse più un problema. Che si fosse richiuso, o che si trattasse addirittura di una bufala ecologista degli anni ’90.
In effetti non se ne parla già da tempo, perché dopo i divieti sull’impiego di clorofuorocarburi (CFC) sembrava si stesse ricomponendo lo strato di ozono nella troposfera in corrispondenza dell’area antartica.
Allo stato di fatto le dimensioni del cosiddetto buco rimangono gigantesche. E lo strato di ozono sta ricominciando a lacerarsi. Come rileva Nature Geoscience il problema ritorna alla ribalta perché sono stati scoperti quattro nuovi gas che nell’atmosfera stanno minacciando lo strato dell’ozono antartico.
Stando alla ricerche negli ultimi anni nell’ozonosfera si sono accumulati tre clorofluorocarburi e un nuovo idrofluorocarburo (HCFC) che prima non erano mai stati rilevati.
I primi tre, che fanno parte dei noti CFC, sono stati banditi dal protocollo di Montreal del 1987 e non dovrebbero più in alcun modo essere immessi in atmosfera, in quanto 192 Paesi del mondo accettarono di togliere dalla loro produzione tali sostanze.
Tali inquinanti sono stati scoperti in campioni di neve della Groenlandia e in campioni di atmosfera sopra la Tasmania raccolti nel periodo 1978 – 2012.
Si tratta dei CFC-112, CFC-112a, CFC 113a e HCFC-113°. Solo nel 2012, oltre 74.000 tonnellate di questi composti sarebbero stati riversati nell’atmosfera. Chi li ha immessi rimane un mistero, anche se dalle analisi degli scienziati tali riversamenti sarebbero avvenuti nell’emisfero boreale.
A destare particolare preoccupazione sarebbe soprattutto il CFC 113°, che dal 2010 al 2012 è raddoppiato.
Esso viene usato nella fabbricazione degli HCFC, come sostituto degli CFC classici negli impianti di climatizzazione e negli insetticidi.

CertineWs/MGD

Share