Decolla Takeoff Crowdfunding la piattaforma italiana di Crowdfunding per le imprese e le associazioni

takeoff

Dal primo settembre è finalmente online TakeOff Crowdfunding (www.takeoffcrowdfunding.com), la prima piattaforma crowdfunding tutta italiana che offre nuovi ed interessanti servizi agli start-upper e non solo.

Lo sviluppo della piattaforma ha richiesto quasi due anni di intenso lavoro, offrendo all’utente un’interfaccia innovativa ed una compatibilità assoluta con qualsiasi device (visto su tablet è fantastico, con elementi che si muovono in base all’inclinazione dello schermo, senza comunque mai disturbare l’utente).

La piattaforma è frutto del lavoro di 3 giovani startupper milanesi che hanno investito, oltre al loro know-how tecnico, un piccolo fondo – raccolto in seed financing – per costituire la start-up e sviluppare un prodotto tecnicamente all’avanguardia in ogni suo aspetto, assolutamente sicuro per quanto riguarda la gestione delle transazioni e per mettere su un back-office adeguato alle esigenze di produzione.

Un primissimo riconoscimento a questi sforzi è già arrivato da PayPal, il più sicuro sistema di pagamenti mondiale, che ha deciso di incoraggiare il team di Take Off Crowdfunding venendo incontro a tutte le esigenze, sorte durante la fase di sviluppo della piattaforma, rappresentate dal team tecnico di Take Off Crowdfunding.

Oltre alla sezione principale dedicata ai progetti di impresa, Take Off Crowdfunding prevede una sezione dedicata specificatamente al fundraising del Non Profit ‘Questa sezione – spiega Davide Dessì socio fondatore di Take Off Crowdfunding – è riservata a progetti senza fini di lucro. Qui le associazioni benefiche possono pubblicare i loro progetti e gli utenti possono sostenerle aiutandole a realizzarli. Contiamo molto sullo sviluppo di questa sezione in quanto noi del team di Take Off Crowdfunding siamo in prima persona impegnati nel sostenere cause benefiche attraverso il volontariato e siamo veramente lieti di poter offrire alle associazioni di volontariato, al terzo settore ed ai service club uno strumento per sostenere le proprie attività a favore della collettività”.

Share