Circolare del Ministero dell’Ambiente in materia di certificazione dei biocarburanti e bioliquidi

biocarb6[1]

E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale (G.U. n. 18 del 23 gennaio 2014) la circolare del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 14 gennaio, che fornisce alcuni chiarimenti per l’applicazione del Decreto che ha istituito il Sistema di certificazione nazionale della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi (Decreto Ministeriale 23 gennaio 2012 e s.m.i.).
La circolare ministeriale è stata elaborata dal “Comitato tecnico consultivo Biocarburanti” – incaricato del mantenimento del Sistema presso il Ministero dello Sviluppo Economico – che nel corso del 2013 ha curato la revisione del Sistema nazionale di certificazione. La revisione si è resa necessaria a fronte delle esigenze manifestate dalle varie Parti interessate (fra cui gli Organismi di certificazione accreditati e le Associazioni di categoria a tutti i livelli della filiera produttiva), dopo le prime esperienze di applicazione della normativa. I lavori hanno condotto anche alla pubblicazione del nuovo Regolamento Tecnico ACCREDIA RT-31 (rev. 01) “Prescrizioni per l’accreditamento degli Organismi che rilasciano certificati di conformità a fronte del Sistema Nazionale di Certificazione della sostenibilità dei biocarburanti e dei bioliquidi”.
La circolare precisa alcuni punti del DM 23 gennaio 2012 istitutivo del Sistema nazionale, con particolare riferimento a:
⦁ definizione di operatore economico e chiarimenti in merito ai soggetti che, pur nell’ambito di una filiera produttiva certificata a fronte del sistema nazionale, sono esentati dall’obbligo della certificazione;
⦁ casistiche eligibili per l’adozione da parte degli Organismi dei criteri di campionamento applicabili in caso certificazione di gruppo, così come illustrata dal Regolamento ACCREDIA RT-31;
⦁ contenuto e formato del certificato di sostenibilità – che viene emesso dall’operatore economico in accompagnamento alle partite di biocarburante e bioliquido immesse in consumo – il cui fac-simile è disponibile sui siti web del Ministero dello Sviluppo Economico e del Gestore dei Servizi Energetici;
⦁ contenuti delle verifiche svolte dagli Organismi a fronte del Sistema nazionale di certificazione, fermi restando i contenuti elencati dal RT-31 di ACCREDIA;
⦁ modalità operative di verifica, iniziali e di sorveglianza, da effettuare in caso di adesione degli operatori a Sistemi volontari per i biocarburanti.

CertineWs/MGD

Share